Berlin: a place I belong to.

IMG_20130831_213101

Berlin. I’ve always had a prejudice against Germany and consequently of its capital, heard say that it was a cold land, a land of hostile people and instead…
 
Two years ago I decided to discover it, to go and visit it because, beyond all, is a piece of contemporary history and I had nothing to lose.
 
Within two years, I have done it my mecca.
 
It is impossible to describe it, you have to see it and more than see it, live it.
 
And it is the city of history, music, art, young people, so full of ideas that can surprise you every time you go there.
 
Its ability to innovate and reinvent itself is amazing, over there you can find stimulation, over there you can build projects, over there you have the feeling that your ideas can be followed.
 
And then people, so cosmopolitan that it almost seems that there are no racial differences.
 
In Berlin, it does not matter who you are, what you do or what you have, it seems that the prejudices no longer exist and this maybe thanks to a past too heavy.
 
In Berlin, you are free to be who you are.
 
In Berlin you’re home.
 
A.
 
Berlino. Ho sempre avuto un pregiudizio ancestrale nei confronti della Germania e di conseguenza della sua Capitale, sentivo dire che fosse una terra fredda,una terra fatta di persone ostili e invece…
 
Due anni fa decisi di scoprirla, di andare a visitarla perché, al di là di tutto, è un pezzo di storia contemporanea, non avevo nulla da perdere.
 
Nel giro di due anni ne ho fatto la mia mecca.
 
Descriverla è impossibile, bisogna vederla e più che vederla , viverla.
 
E’ la città della storia, della musica ,dell’arte, dei giovani,così ricca di spunti che riesce a sorprenderti ogni volta che vai a trovarla.
 
La suà capacità di rinnovarsi e reinventarsi è straordinaria, lì puoi trovare stimoli,lì puoi trovare spunti, lì hai la sensazione che la tue idee possano avere un seguito.
 
E poi le persone, così cosmopolita che sembra quasi che non esistano differenze razziali.
 
A Berlino non conta chi sei, che fai, cos’hai, sembra quasi che i pregiudizi non esistano più e questo forse per merito di un passato troppo pesante.
 
A Berlino sei libero di essere come sei.
 
A Berlino sei a casa.
 
A.
Tagged , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: